December 7, 2020

BRUXELLES (Reuters) -La Germania, la Francia, l’Italia e altri dieci Paesi della Ue hanno unito le forze per investire nella tecnologia dei semiconduttori e dei processori, fondamentali per i dispositivi di connessione a Internet e per l’elaborazione di dati.

La quota europea del mercato globale dei semiconduttori da 440 miliardi di euro rappresenta circa il 10%, con il blocco che attualmente fa affidamento su chip prodotti all’estero.

Tale dipendenza da chip e altri prodotti stranieri è venuta alla luce durante la pandemia di Covid-19.

I timori in materia di sicurezza di alcuni governi stranieri si sono aggiunti alle preoccupazioni per la dipendenza da chip stranieri utilizzati nelle automobili, nelle apparecchiature mediche, nei telefoni cellulari e nei sistemi di rete, nonché per il monitoraggio ambientale.

All’inizio di quest’anno, l’Unione Europea ha deciso di stanziare 145 miliardi di euro, pari a un quinto del Recovery fund per la ripresa economica dalla pandemia, per progetti legati al digitale.

I 13 Paesi hanno detto che lavoreranno insieme per rafforzare la catena del valore dell’elettronica e dei sistemi integrati europei.

“Ciò richiederà uno sforzo collettivo per mettere in comune gli investimenti e coordinare le azioni, da parte degli stakeholder sia pubblici che privati”, hanno detto i Paesi in una dichiarazione congiunta.

Il gruppo si metterà in contatto con le aziende per formare alleanze industriali per la ricerca e gli investimenti nella progettazione e realizzazione di processori ed esaminerà i finanziamenti per tali progetti.

Inoltre, presenterà uno programma a livello europeo noto come Important Project of Common European Interest che consentirà finanziamenti secondo norme più permissive in materia di aiuti di Stato europei. Il gruppo cercherà di stabilire standard e certificazioni comuni per l’elettronica.

I firmatari includono Belgio, Croazia, Estonia, Finlandia, Grecia, Italia, Malta, Paesi Bassi, Portogallo e Slovenia.

“Un approccio collettivo può aiutarci a sfruttare i nostri punti di forza esistenti e ad abbracciare nuove opportunità, in quanto i chip per processori avanzati svolgono un ruolo sempre più importante nella strategia industriale europea e nella sovranità digitale”, ha detto in un comunicato il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Cristina Carlevaro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))

Public Affairs

Sign Up for Our Newsletters

Get notified first!

You May Also Like

Newsom Recall Shows States Can Do More to Protect Constitutional Rights: Dr. Cordie Williams

It’s a ‘shot across the bow’ of politicians who would restrict civic…

Texas State Senate Passes Election Integrity Bill Targeting Mail-in Ballots

The Republican-led Texas state Senate passed a bill early on Thursday that…

Lyfeloop is Best New Social Media App

Lyfeloop has been Named Best New Social Media App while quietly gaining…

Grassroots Rebellion Grows With New Calls to Ban Critical Race Theory from Military, Public Schools

Kevin O’Leary said he was “devastated” when he learned his former football…